Italiani di tutto il mondo solidali con i connazionali in Italia

Italiani di tutto il mondo solidali con i connazionali in Italia

Essere italiani si manifesta in modi modi. Però tutti sono sfaccettature di uno stesso diamante: l’unione. E mai come in questo momento questa “unione” si trasmette con la solidarietà.

In questa prospettiva ben vengano tutte le iniziative volte a incentivare il senso di patria che solo con la solidarietà verso i connazionali in maggior difficoltà si palesa.

Questa idea é scaturita dalla nostra Protezione Civile e il Direttore Generale degli Italiani all’Estero Luigi Maria Vignali l’ha subito sostenuta con preghiera di pubblicizzarla.

Il Direttore degli Italiani all’Estero Luigi Maria Vignali

Luigi Vignali si è congratulato per la disponibilità con cui gli Organismi rappresentanti gli italiani all’esteri CGIE e COMITES abbiano immediatamente accettato di partecipare e divulgare indicazioni utili per poter dare un apporto economico ai nostri connazionali in Italia.

Cosí, nel corso di una videoconferenza tenutasi venerdì scorso, Vignali ha segnalato con grande enfasi e approvazione le iniziative di sostegno alla solidarietà, e soprattutto quella della Protezione Civile che ha attivato un conto corrente bancario dove far confluire le donazioni.

I dati del conto corrente sono:
Banca Intesa San Paolo Spa, Filiale di Via del Corso,226 – Roma
Intestato a Pres. Cons.Min.Dip.Prot.Civ.
IBAN: IT84 Z030 6905 0201 0000 0066 387
BIC: BCITITMM
Causale: COVID 19

Il direttore Luigi Maria Vignali (a destra) con il Sottosegretario agli Esteri Ricardo Merlo (al centro)

Le possibilità per aiutare i nostri connazionali sono veramente tante. Fra le altre (ma sono solo alcune) vi è anche quella di poter inviare fondi a banche autorizzate nelle singole regioni italiane secondo le necessità locali; inoltre lo stesso meccanismo si può usare per aiutare specifici Istituti di ricerca, ricovero e cura.

Ora la parola passa a noi. A tutti quegl’ italiani che hanno sempre amato, ammirato e desiderato l’Italia. A noi che adesso abbiamo la possibilità, nel nostro piccolo, di poter stendere una mano ai connazionali che dalla nostra Patria hanno contribuito a dare stabilità ai nostri sogni.